L’anno 2095 verrà ricordato per sempre come l’anno in cui si è finalmente sciolto il mistero dei buchi neri e compreso il destino di ogni cosa che finisce al loro interno.
A provare in prima persona questa esperienza è stata un equipe di astronauti della NASA che nell’anno 2027 si era offerta volontaria per una missione di 20 anni riguardante l’esplorazione spaziale del sistema solare successivo al nostro, detto ‘Il sistema omega’, dove si pensava ci fosse un pianeta con i presupposti per essere abitabile dalla razza umana.
Tuttavia, durante il loro viaggio, la loro navicella entrò in collisione con un campo di asteroidi che ne ha alterò la rotta, portandoli in prossimità di un buco nero, il quale fece perdere le loro tracce. Dopo 68 anni nessuno cercava più gli astronauti, quando nel 2095 la loro astronave riapprodò sulla Terra. Una volta giunti sulla Terra, quello che gli astronauti videro era un mondo completamente diverso rispetto a quello che avevano lasciato, e in più non riconobbero nessuna delle persone che lavoravano alla NASA.
La notizia che appresero li sconvolse: quel giorno era il 12 giugno 2095. Erano passati 48 anni dalla data in cui si aspettavano di tornare. E, visto che il viaggio era durato 10 anni, si aspettavano di tornare sulla Terra nel 2047. L’unica possibile causa del fenomeno a loro accaduto era senz’altro implicabile a un contatto con un buco nero, cosa che doveva aver in qualche modo influenzato lo scorrere del tempo.
Dopo questa importante rivelazione, i più importanti scienziati del tempo si misero al lavoro per cercare di spiegare cosa accadde 48 anni prima, finché lo scienziato italiano A.T. riuscì a dimostrare matematicamente l’esistenza di un numero indefinito di universi, che sono ambientati in istanti diversi del tempo e vengono collegati fra di loro dai buchi neri.
Proprio alla luce di questa scoperta fu considerato un vero e proprio miracolo l’approdo da parte degli astronauti nell’anno 2085 vista l’immensa varietà di epoche storiche in cui si sarebbero potuti ritrovare. Il modo di viaggiare nel tempo può causare diverse problematiche dal punto di vista etico. Si può viaggiare nel tempo e influenzare il passato o il futuro senza aver prima considerato le conseguenze che questo cambiamento comporta? Quel che è certo è che questa scoperta e l’infinità di applicazioni che vi si possono trovare cambieranno per sempre l’umanità e i rapporti che essa ha con il tempo.
Di: Team Broglio
FONTE: http://www.noisiamofuturo.it/2017/03/20/mistero-dei-buchi-neri/